Curarle

Una volta che il dermatologo avrà diagnosticato la presenza di un’infezione della pelle prescriverà una terapia mirata, tra le varie soluzioni terapeutiche disponibili

 Avete seguito tutte le nostre raccomandazioni e consigli su come prevenire le infezioni della pelle, ma temete comunque di aver contratto un’infezione cutanea?

A questo punto non avventuratevi in soluzioni fai-da-te ma rivolgetevi ad un dermatologo che visiterà la vostra pelle e saprà prescrivere la terapia e le soluzioni più idonee al vostro caso.

Quando vi recate dal dermatologo cercate di essere con lui quanto più accurati e precisi possibile, al fine di fornire tutte le informazioni che potranno aiutare lo specialista nella diagnosi della malattia e nella scelta di un trattamento ottimale e adeguato al vostro caso.

Difatti, una volta che lo specialista avrà diagnosticato la presenza di un’infezione della pelle prescriverà la terapia scegliendo, tra le varie soluzioni terapeutiche, quella più indicata ed adatta in base al tipo d’infezione, al microrganismo che l’ha causata ed alla gravità del disturbo. Per la cura delle infezioni della pelle sono disponibili varie alternative terapeutiche, tra cui:

  • gli antisettici/disinfettanti: sono utilizzati frequentemente, come soluzioni topiche da applicare sulla pelle, per evitare lo sviluppo di un’infezione prima di un programmato intervento chirurgico, o per curare un’infezione blanda o semplicemente come regolare norma igienica per prevenire le infezioni della pelle nelle persone a rischio o particolarmente predisposte.
  • gli antibiotici: sono farmaci che hanno la proprietà di contrastare la moltiplicazione dei batteri e quindi sono utilizzati specificamente per curare le infezioni o le sovrainfezioni di origine batterica. Essi sono disponibili in formulazioni orali o topiche: gli antibiotici per via orale sono prescritti quando le infezioni della pelle sono estese, profonde o gravi, e specialmente quando sono accompagnate da sintomi come febbre, dolore e malessere. Per le infezioni superficiali e localizzate sono indicati, invece, gli antibiotici topici da applicare direttamente sulla pelle. Talvolta agli antibiotici possono essere abbinati anche i farmaci cortisonici con lo scopo di favorire la guarigione di alcune manifestazioni cutanee associate alle infezioni, come l’eczema, o di ridurre l’infiammazione locale.
  • l’intervento chirurgico: si ricorre generalmente alla chirurgia solo quando esiste un ascesso o del pus da asportare, come accade spesso nella paronichia.

Fonti 

Gottlieb M, Peksa GD. Comparison of the loop technique with incision and drainage for soft tissue abscesses: A systematic review and meta-analysis. Am J Emerg Med 2018; 36 (1): 128-133.

Kwak YG et al. Clinical guidelines for the antibiotic treatment for community-acquired skin and soft tissue infection. Infect Chemother 2017; 49 (4): 301-325.

Falcone M et al. Acute bacterial skin and skin structure infections in internal medicine wards: old and new drugs. Intern Emerg Med 2016; 11 (5): 637-648.

Esposito S et al. Analisi delle line guida esistenti per il trattamento delle infezioni della cute e dei tessuti molli. Le Infezioni in Medicina 2009; Suppl. 4: 58-63.