Igiene e idratazione contro gli agguati della dermatite atopica

Cura della pelle, idratazione e alcuni accorgimenti protettivi possono essere di aiuto per dare sollievo ai fastidiosi sintomi della dermatite atopica o prevenirne le ricadute.

 

La dermatite atopica è una malattia cronica in cui il prurito intenso, dovuto all’eczema e alla secchezza della pelle, ricompare o peggiora in determinati periodi e si riduce o sparisce in altri.

Prurito e secchezza della pelle compromettono negativamente la qualità di vita di chi soffre di dermatite atopica e sono imputabili allo stato infiammatorio cronico tipico della malattia che provoca il danneggiamento della barriera presente sullo strato più superficiale della pelle (chiamata barriera cutanea).

La barriera cutanea svolge una funzione importante per la salute della pelle, proteggendola dalle aggressioni chimiche o dei microbi e impedendo che la pelle si disidrati. Quindi quando la barriera cutanea viene alterata e danneggiata dallo stato infiammatorio della dermatite atopica si creano le condizioni che favoriscono lo sviluppo dell’eczema e della secchezza della pelle. Ma non solo: la pelle diventa più sensibile alle infezioni da parte dei batteri e alle sostanze chimiche più o meno irritanti.

Questo significa che quando si soffre di dermatite atopica la pelle richiede particolari attenzioni igieniche e cure per evitare di peggiorare la secchezza della pelle e il prurito o di favorire le loro ricadute da un lato, e di controllare e prevenire le infezioni dall’altro. Poiché l’infiammazione persiste anche nelle zone di pelle clinicamente sane, avere cura della propria pelle diventa addirittura quasi un obbligo perché i peggioramenti e le ricadute della malattia sono sempre in agguato.

Cosa fare quindi per avere il controllo sulla dermatite atopica? Si può fare molto con semplici accorgimenti quotidiani. In primo luogo è utile applicare sulla propria pelle sostanze emollienti che non compromettano l’integrità della barriera cutanea ma anzi ne ripristinino la struttura e la funzione.

L’applicazione frequente di emollienti sulla pelle è un trattamento essenziale per dare sollievo all’eczema, in quanto aiuta a ridurre il prurito, la secchezza della pelle e le ricadute dei sintomi, oltre che la prescrizione di farmaci sintomatici. Vanno scelti gli emollienti che non irritino la pelle: ideali sono quelli che contengono varie quantità di sostanze decongestionanti ed umettanti (cioè che favoriscono l’idratazione). Particolarmente indicati sono gli emollienti arricchiti con sostanze che compongono la barriera cutanea, come un particolare tipo di grassi (chiamati ceramidi) e una proteina chiamata filaggrina: queste aiutano difatti a ripristinarne l’integrità e la funzione della barriera cutanea, impedendo così ai batteri, ai prodotti chimici irritanti e agli allergeni di penetrare nella pelle e peggiorare i sintomi della dermatite atopica. È raccomandabile applicare gli emollienti sulla pelle subito dopo essersi fatti un bagno o una doccia od essere venuti a contatto con l’acqua: questo perché l’acqua può aggravare l’eczema se la pelle non viene subito decongestionata,  ammorbidita e protetta con gli emollienti.

A tal proposito, farsi il bagno o una doccia una volta al giorno (o quando le lesioni eczematose non provocano dolore a contatto con l’acqua) è un toccasana, con l’avvertenza di usare ovviamente detergenti e saponi delicati e non aggressivi.

I medici consigliano che il bagno o la doccia durino 5-10 minuti in acqua tiepida. Così come per gli emollienti, subito dopo essersi fatti il bagno o la doccia si possono utilizzare i disinfettanti per la pelle, purché applicati solo sulle zone di pelle che lo richiedono, evitando così il rischio di aggravare l’eczema in generale.

 

Fonti

Addor F et al. Skin barrier in atopic dermatitis. An Brasil Dermatol 2010; 85 (N. 2): http://www.scielo.br/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0365-05962010000200009&lng=en&nrm=iso&tlng=en

Cheong WK. Gentle cleansing and moisturizing for patients with atopic dermatitis and sensitive skin. Am J Dermatol 2009; 10 (Suppl. 1): 13-17.

Simpson E et al.  Improvement of skin barrier function in atopic dermatitis patients with a new moisturizer containing a ceramide precursor. J Dermatol Treat 2013; 24 (2): 122-125.

Weinstein M et al. Atopic dermatitis: a practical guide to management. Eczema Society of Canada. Health Care Provider Resource. 1-9. https://eczemahelp.ca/wp-content/uploads/2016/11/ESC-Atopic-Dermatitis-Practical-HCP-Guide-2nd-Ed-2016.pdf

 

 

 

 

Articoli correlati


						

Dermatite atopica

Dermatite atopica: estate a prova di pelle

I fattori ambientali esercitano un’influenza sulla dermatite atopica, ma sono ancora incerti i loro effetti nei confronti della malattia e dei suoi sintomi

Read more

						

Dermatite atopica

Dermatite atopica nei bambini: diamo un po’ i numeri

La dermatite atopica nei bambini si è diffusa in maniera esponenziale: i dati testimoniano che dagli anni’70 è aumentata di 2-3 volte nei Paesi industrializzati

Read more

						

Dermatite atopica

Dermatite atopica ed infezioni

L'atopia apre a volte la strada ad infezioni cutanee. Come prevenire e curare? Le recentissime linee guida europee rifanno il punto della situazione.  

Read more