Come riconoscerla?

Vi sono alcuni segni e sintomi che sono una sorta di “carta d’identità” della dermatite atopica che possono essere utilizzati e controllati per riconoscere e diagnosticare la malattia

Il decorso della dermatite atopica tende ad essere cronico-recidivante, cioè si caratterizza per periodi in cui la malattia regredisce e migliora, alternati a periodi in cui la malattia si ripresenta con riacutizzazioni; per questo motivo i sintomi e i segni della dermatite atopica possono variare nel corso della vita, così come possono cambiare di stagione in stagione, da individuo a individuo e anche di giorno in giorno.

Vi sono, comunque, alcuni segni e sintomi che sono una sorta di “carta d’identità” della dermatite atopica e che quindi possono essere presi in esame e controllati per riconoscere e diagnosticare la malattia. Rivolgetevi pertanto al vostro dermatologo di fiducia se sulla vostra pelle notate:

  • eczema
  • arrossamenti
  • secchezza che presenta fasi di riacutizzazione
  • zone squamose con fissurazioni e sanguinamenti
  • ispessimenti e screpolature
  • prurito intenso e incessante.

Lo specialista visiterà la vostra pelle e vi chiederà informazioni dettagliate sul vostro modo di vivere e di mangiare, su che tipo di attività professionale svolgete, sulle malattie di cui avete sofferto in passato, se avete eventualmente familiarità per determinati disturbi, sul numero di giorni alla settimana in cui avvertite i sintomi e se i sintomi sono comparsi per la prima volta entro i 2 anni d’età e tendono alternativamente a regredire e a riacutizzarsi. Per corroborare la diagnosi della malattia il dermatologo potrà poi prescrivere alcuni esami di laboratorio e l’esecuzione di biopsie sulla cute, nonché procedere ad eseguire alcuni test specifici sulla pelle per verificare l’eventuale allergia a determinate sostanze e cibi (allergeni ambientali ed alimentari); il dermatologo valuterà, infine, l’eventuale presenza di altri disturbi associati alla dermatite atopica, come riniti e rino-congiuntiviti, dal momento che questi disturbi sono spesso conseguenza della malattia cutanea.

Fonti

Eichenfield LF, Stein Gold LF. Practical strategies for the diagnosis and assessment of atopic dermatitis. Semin Cutan Med Surg 2017; 36 (2 Suppl 2): S36-S38.

Silvestre Salvador JF et al. Atopic dermatitis in adults: a diagnostic challenge. J Invest Allergol Clin Immunol 2017; 27(2): 78-88.

Berke R et al. Atopic dermatitis: an overview. Am Fam Phys 2012; 86 (1): 35-42.

Wollenberg A et al. ETFAD/EADV Eczema task force 2015 position paper on diagnosis and treatment of atopic dermatitis in adult and paediatric patients. JEADV 2016; 30

 

Articoli correlati


                  

Dermatite atopica

Dermatite atopica e abbigliamento

Contano anche i vestiti che indossiamo. La situazione peggiora se subentra una sensibilizzazione allergica. Cotone non colorato o seta senza sericina sembrano le scelte più appropriate.

Read more

                  

Dermatite atopica

Fumo per la dermatite atopica

Anche il fumo di sigaretta può impattare sulla dermatite atopica. Nuovo studio, ben fatto, di un’università della Corea del sud: il fumo disturba anche la pelle.

Read more

                  

Dermatite atopica

Salute mentale e Dermatite atopica

Nelle stesse famiglie si nota un legame tra dermatite atopica, ansia e depressione secondo il Karolinska. Tutto oggetto d’indagine: intanto è chiaro che può servire un counseling psicologico.

Read more