La Cheratosi attinica è pericolosa?

La cheratosi attinica è una malattia pericolosa perché può rappresentare la lesione iniziale che – soprattutto se si protrae l’esposizione al sole e ai raggi ultravioletti – può evolvere in tumori maligni della pelle

La cheratosi attinica è una malattia da non sottovalutare perché è un tumore della pelle non melanoma in fase precoce, che – soprattutto se si protrae l’esposizione al sole e ai raggi ultravioletti – può evolvere in tumori della pelle più aggressivi, come il carcinoma squamocellulare e, meno frequentemente, il carcinoma basocellulare: il primo caratterizzato da una rapida crescita, mentre il secondo da una crescita lenta. Alcuni studi hanno evidenziato che circa il 10% di esse può evolvere in un carcinoma squamocellulare. Questa percentuale può sembrare in apparenza non particolarmente elevata, ma in realtà è da considerarsi significativa dal punto di vista medico: difatti buona parte dei carcinomi squamocellulari (circa il 40-60%) inizia con una cheratosi attinica non trattata; questi tumori possono crescere e il 2-10% di essi può poi dare origine a metastasi, mettendo così il paziente in pericolo di vita. Oltre a una relazione diretta tra la cheratosi attinica e il carcinoma squamocellulare, le cheratosi attiniche rappresentano anche una spia del maggior rischio di sviluppare altri tumori cutanei, dal momento che esse rappresentano un indicatore di un’eccessiva esposizione al sole e, di conseguenza, dei danni causati dai raggi ultravioletti alle cellule della pelle.

È impossibile stabilire in anticipo se e quali cheratosi attiniche possono diventare tumori più aggressivi, e proprio per questo è molto importante sottoporsi a controlli periodici dal dermatologo, segnalando tempestivamente i cambiamenti dell’aspetto e del colore della propria pelle; difatti le lesioni di cheratosi attinica, se diagnosticate e trattate precocemente, possono essere eliminate prima che possano eventualmente evolvere in forme tumorali più aggressive.

Fonti

Fernandes AR et al. Neoplastic multifocal skin lesions: biology, etiology, and targeted therapies for nonmelanoma skin cancers. Skin Pharmacol Physiol 2017; 31 (2): 59-73.

Lanoue J et al. Actinic keratosis as a marker of field cancerization in excision specimens of cutaneous malignancies. Cutis 2016; 97: 415-420.

Drèno B et al. Management of actinic keratosis: a practical report and treatment algorithm from AKTeam expert clinicians. JEADV 2014; 28: 1141-1149.

Schwartz RA. The actinic keratosis. A perspective and update. Dermatol Surg 1007; 23 (11): 1009-1019.

http://www.euromelanoma.org/italy

https://www.skincancer.org/it-IT/CHERATOSI-ATTINICA